AGRINIDO

Questo modello educativo che prevede un continuo contatto bambino-natura, sviluppato in ambiente rurale, crea nel bambino ricchi stimoli e risorse naturali, fondamentali per i primi passi dell'apprendimento cognitivo, oltre a favorire uno sviluppo armonico del bambino in contesto agreste, la socializzazione di tutto il gruppo attraverso attività concrete che mettono in risalto la componente relazionale di ciascuno, la comprensione di concetti astratti attraverso attività concrete, l’autonomia di ciascun bambino.

Progetto Educativo

Le attività proposte secondo specifica programmazione annuale e settimanale hanno, pertanto, come sfondo la vita della campagna e la sua ciclicità stagionale. Lo spazio interno è suddiviso in angoli o ambiti legati ai campi di esperienza.
Per favorire la collaborazione tra il personale educativo e le famiglie è stata predisposta un’organizzazione giornaliera schematizzata.
Nei momenti di routine (pappa, nanna, cambio) le educatrici cercano di curare in modo particolare la relazione individuale adulto/bambino. Il bambino ha così modo di percepire che quello spazio e quel tempo sono dedicati esclusivamente a lui.
- Ore 7.00 –8.45 accoglienza e gioco libero nelle due distinte sezioni;
- Ore 8.45 –9.15 merenda di frutta per i più piccoli e i più gradi;
- Ore 9.00 – 9.45 angolo del buongiorno e cure personali piccoli e grandi;
- Ore 9.45 – 10.30 gioco e attività e riposino per i più piccoli;
- Ore 9.45 - 11.15 attività e giochi per i più grandi;
- Ore 10.30 –11.15 pranzo dei più piccoli
- Ore 11.15 - 12.00 pranzo dei più grandi;
- Ore 11.15 – 12.30 cure personali e preparazione al sonno dei frequentanti a tempo pieno;
- Ore 12.30 – 13.00 prima uscita;
- Ore 12.30 – 14.30 riposo, primi risvegli;
- Ore 14.30 - 14.50 cure personali;
- Ore 14.50 - 15.10 merenda pomeridiana;
- Ore 15.10 – 15.30 attività pomeridiana per i più piccoli e per i più grandi;
- Ore 15.30 – 16.00 seconda uscita.
 
- Il “cestino dei tesori” (dove i tesori sono vari oggetti di materiali, forme, odori e colori diversi);
- La manipolazione degli alimenti;
- I giochi con l’acqua;
- L’attività motoria;
- Le letture di immagini.
 
 
Attività strutturate
- Incastri;
- Travasi con materiali (commestibili) quali corn-flacks, fagioli e piselli (cotti), farina gialla e acqua;
- Infilature con pasta grossa.
 
Attività non strutturate
- Gioco dei travestimenti;
- Gioco simbolico;
- Attività motorie;
- Racconti di favole attraverso l’utilizzo dei burattini;
- Atelier di pittura, di attività plastiche e manipolative;
- Costruzioni;
- Il gioco euristico;
- Percorsi sensoriali;
- Attività di vita pratica;
- Letture di immagini e di semplici storie.
Al fine di creare ulteriori occasioni di integrazione e supporto all’azione educativa della famiglia, la cooperativa “Corte Verde” periodicamente organizza - previa stesura di un apposito calendario - incontri formativi a tema gratuiti curati da pedagogisti, pediatri ed altri esperti del settore.
Sono, inoltre, organizzate, secondo tempi e modalità prestabiliti – al fine di coinvolgere ulteriormente le famiglie - feste tematiche gratuite legate alla peculiarità dell’ambiente agreste circostante e delle sue tradizioni.