AGRINIDO

Questo modello educativo che prevede un continuo contatto bambino-natura, sviluppato in ambiente rurale, crea nel bambino ricchi stimoli e risorse naturali, fondamentali per i primi passi dell'apprendimento cognitivo, oltre a favorire uno sviluppo armonico del bambino in contesto agreste, la socializzazione di tutto il gruppo attraverso attività concrete che mettono in risalto la componente relazionale di ciascuno, la comprensione di concetti astratti attraverso attività concrete, l’autonomia di ciascun bambino.

Attività e Servizi

EGUAGLIANZA : il nido è accessibile a tutti senza nessuna distinzione di sesso, di diversa abilità, razza, lingua, cultura, religione, opinioni politiche o quant’altro;
IMPARZIALITA’: i comportamenti del personale sono dettati da criteri di obiettività e imparzialità;
CONTINUITA’: l’erogazione del servizio nido è regolare e continua secondo gli orari e il calendario indicati più avanti;
PARTECIPAZIONE: le famiglie utenti hanno diritto d’accesso alle informazioni che li riguardano nonché il diritto di esporre osservazioni, suggerimenti e/o reclami;
EFFICIENZA ed EFFICACIA: i servizi sono erogati mediante l’attivazione di percorsi e modalità che garantiscono un buon rapporto tra risorse impiegate, prestazioni erogate, e risultati ottenuti. L’efficacia delle prestazioni è, inoltre, raggiunta attraverso una periodica formazione degli operatori.

INSERIMENTO E AMBIENTAMENTO
L’inserimento avviene, salvo esaurimento dei posti disponibili, tutto il tempo dell’anno previo colloquio informativo con i genitori, nel quale si individuano le esigenze del bambino e le migliori modalità operative per l’accoglienza e l’inserimento stesso. Tempi e modalità di inserimento sono, pertanto, concordati per ogni singolo bambino che deve familiarizzare con un ambiente e persone a lui nuove.
Il primo giorno d’inserimento è prevista una permanenza del bambino nella struttura con uno dei due genitori di circa un’ora. Giorno dopo giorno il tempo all’interno del nido si allungherà e vi sarà sempre la presenza di un genitore. Gradualmente ed in modo continuativo è previsto il distacco con il genitore.
Il secondo giorno, infatti, dopo aver consegnato e salutato il bambino, il genitore potrà allontanarsi dalla sua vista, rimanendo però presente in un altro locale del nido per circa un’ora; il terzo giorno potrà allontanarsi dal nido un paio di ore circa, per poi riprendersi il proprio figlio per il consumo del pasto a casa; il quarto/quinto giorno il bambino potrà consumare il suo primo pasto al nido ed il suo sesto/settimo giorno fermarsi anche per il riposino pomeridiano. Durante questo periodo le educatrici cercheranno di attirare l’attenzione del bambino attraverso il gioco, la scoperta, la coccola, in modo da rendere il distacco il meno traumatico possibile.

OSSERVAZIONE
Le educatrici per accompagnare i bambini durante i loro percorsi, si servono di strumenti quali l’osservazione degli stessi per meglio curare la relazione e la proposta delle attività, dei materiali e dei giochi all’interno del nido.
L’osservazione e la relativa sua documentazione (scritta e fotografica) riconducibile nella tenuta e regolare aggiornamento dell’archivio e delle schede nominative per bambino, risultano inoltre, essere strumenti fondamentali per verificare il livello di sviluppo raggiunto da ogni bambino e per accompagnare lo stesso verso la tappa successiva.

BAMBINO E CONTATTO CON LA FAMIGLIA
Quando i genitori decidono di inserire il proprio bambino al nido, in qualche modo creano una sorta di patto formativo con le educatrici in quanto sottoscrivendolo condividono il progetto educativo individuale del proprio figlio. Tale patto formativo, inerente l’educazione del bambino, trova così una linea univoca di idee tra famiglia ed educatrici.
E’ necessario, pertanto, uno stretto confronto tra le figure genitoriali ed il nido per trovare una linea educativa condivisa al fine di attuare un patto formativo che sia finalizzato al bene educativo del bambino stesso.
 
Il nostro personale in tre parole GIOVANE, DINAMICO e QUALIFICATO
Le figure professionali impiegate sono presenti in numero conforme agli standard previsti dalle disposizioni regionali e svolgono le seguenti funzioni:
-la coordinatrice, con funzioni di educatrice, sovrintende all’andamento del servizio;
-le operatrici socio-educative provvedono alla cura dei bambini, svolgono le attività educative, mantengono la relazione con le famiglie promuovendone la partecipazione, partecipano al buon funzionamento del servizio;
-l’addetta ai servizi provvede alla pulizia e disinfezione degli ambienti, collabora per il buon funzionamento del servizio.
E’ garantita la compresenza di due operatori durante tutto l’orario di apertura del servizio anche attraverso personale volontario socio della cooperativa stessa.
 
Inoltre Il nido “Baby parking Corte Verde” tratta diversi temi coinvolgendo i rispettivi professionisti: PEDIATRA, FISIOTERAPISTA, PSICOLOGA, OSTETRICA, PSICOMOTRICISTA, PSICOPEDAGOGISTA.
L’attività del pediatra è diretta non solo alla tutela della salute dei bambini ma anche ad una prevenzione collettiva tramite consulenza ai genitori e alle educatrici.
L’attività della psicopedagogista è rivolta anche alla consulenza educativa e formativa del personale interno alla struttura.